La sonda New Horizon alla scoperta di Plutone

La sonda New Horizons ci sta permettendo di scandagliare Plutone e la sua superficie. Cosa ci sta trasmettendo la sonda? Tantissime immagini molto interessanti, dato che sono stati scoperti nuovi vulcani di ghiaccio, dei satelliti e molto altro ancora. Ma andiamo per gradi. La sonda New Horizons ha toccato per la prima volta il suolo dell’abitante più lontano del sistema solare il 14 luglio 2015 e da quel momento trasmette ininterrottamente delle immagini del pianeta. E’ proprio grazie a questa sonda che stiamo conoscendo per bene Plutone, ed è grazie a questa sonda che il pianeta in questione ci sta affascinando non poco. Sino a questo momento abbiamo visto dei vulcani di ghiaccio, che si trovano su tutta la superficie, ma anche delle mappe geologiche che non ci si aspettava e dei satelliti molto veloci, che orbitano attorno al pianeta. Proprio di questo si è parlato al meeting della Divisione di Scienze Planetarie dell’Associazione Astronomica Americana, altresì nota come AAS, che ha avuto luogo a Washington. Il tutto è di estrema importanza perché, come fa notare la NASA, apre nuovi scenari e nuove prospettive per lo studio del Sistema Solare. Ecco perché gli studiosi sono così attratti dai risultati in questione e stanno cercando di analizzarli il più presto possibile, per conoscere ancora di più su Plutone. Prima di arrivare su Plutone, la sonda New Horizons ha fatto un viaggio di ben nove anni e l’incontro è durato solo mezzora. In quella mezzora, però, sono state raccolte delle informazioni assolutamente importanti che gli studiosi stanno ancora analizzando. “Abbiamo mappato più di un migliaio di crateri su Plutone, che variano moltissimo in grandezza e aspetto”, ha reso noto Kelsi Singer, uno dei ricercatori della Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado. “Fra le altre cose, mi aspetto che gli studi come questo ci daranno molte nuove importanti informazioni su come si è formata questa parte di Sistema Solare”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *