La sonda New Horizon va verso i confini del sistema solare

La sonda New Horizon della Nasa si sta dirigendo verso i confini del sistema solare. Dopo che ha incontrato sul suo cammino Plutone, la sonda ha ripreso il suo viaggio ed è in marcia.

Il suo compito, da questo momento in poi, è quello di andare alla scoperta di tutti i piccoli oggetti che si trovano agli estremi confini del nostro sistema solare. Nello specifico, nell’imminente dovrà andare a visitare un piccolo pianeta, che risulta del tutto ghiacciato, che si trova a 6,4 milioni di chilometri dalla Terra. Arriverà a Capodanno del 2019 a destinazione e, in quel momento, verrà sancito un nuovo record, dato che sarà il corpo celeste più distante che sia mai stato raggiunto da una sonda.

Del resto, il pianeta, noto anche come 2014MU69, desta abbastanza curiosità e, almeno per il momento, se ne sa troppo poco. Non ci sono, infatti, troppe certezze né sulla posizione né tanto meno sulla dimensione. Sarà, quindi, divertente scoprire di cosa si tratta nella realtà, così come sottolineato dal team che si interessa della missione.

Al momento si sa che si parla di un oggetto estremamente piccolo e molto poco illuminato e, pertanto, difficilmente studiabile da terra e anche attraverso quelle che sono le foto scattate da Hubble, il telescopio spaziale. Si pensa che possa avere un diametro di circa 20 o 40 km e che sia grande poco più del doppio, o quintuplo, dell’Isola d’Elba. Si sa anche che, proprio come tutti gli oggetti che si trovano nella fascia di Kuiper, si tratta di un pianeta considerato “fossile”, la cui nascita viene datata a oltre 4 miliardi di anni fa.

Tornando a parlare della sonda New Horizon, dobbiamo ricordare che è stata lanciata nel 2006 e, pertanto, sono oltre 10 anni che è in viaggio. Proprio lei, come detto, ha permesso di conoscere Plutone da vicino, che è stato indicato come un pianeta nano, geologicamente ancora vivo. Inoltre, si sa che il pianeta possiede una tenue atmosfera, ma forse anche oceani sotterranei e vulcani che eruttano ghiaccio.

Articoli correlati:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *