Luna: la storia del primo sbarco da parte dell’uomo (terza parte)

Luna: i primi uomini ‘a passeggio’ sul nostro satellite

Armstrong e Aldrin dopo l’atterraggio con un paio di disavventure, rimasero poco più di due ore e mezza alla superficie della Luna e fecero una passeggiata spaziale della durata di solo 2 ore e trenta minuti. Dopo la passeggiata e la raccolta di campioni della superficie lunare, la navicella Apollo 11 prese la via della Terra e schizzò verso il basso senza incidenti nel Pacifico dopo un volo durato un totale di 195 ore. Durante la missione Apollo 11 furono raccolti 21,7 kg di rocce lunari e del suolo e diversi strumenti scientifici furono installati sulla superficie del nostro satellite. Anche se l’obiettivo scientifico di Apollo 11 è stato limitato dalla durata del soggiorno sulla Luna e le astronavi che li trasportavano avevano capacità ridotte, la missione fornì risultati sostanziali. Il corso della missione e, in particolare, i primi passi sulla Luna furono ripresi e trasmessi in diretta da una telecamera di monitoraggio: si trattò di un evento globale del pianeta con centinaia di milioni di persone che lo seguirono. ( per avere maggiori informazioni sul nostro Sistema Solare, vi consigliamo anche: Pianeti Sistema Solare: una breve introduzione)

 Luna: una questione politica

luna storia sbarco uomo terza parte

luna storia sbarco uomo terza parte

Il programma Apollo fu lanciato dal presidente John F. Kennedy nel 1961 con l’obiettivo di portare un uomo sulla luna, che era quello di dimostrare la superiorità del Stati Uniti sull’ Unione Sovietica nello spazio, e divenne una questione politica nel contesto della guerra fredda tra le due superpotenze del tempo. L’obiettivo apparve particolarmente ambizioso, perché a quel tempo il volo orbitale da parte degli Stati Uniti non era stato ancora raggiunto. Per conseguire l’obiettivo fissato dal Presidente, l’ agenzia spaziale degli Stati Uniti, la NASA, lanciò programmi spaziali tesi a preparare le future spedizioni lunari: il programma Gemini per sviluppare le tecniche di volo spaziale e programmi di riconoscimento ( Programma Geometra , Ranger , ecc.) per, tra le altre cose, fornire una mappa per le zone di atterraggio e determinare la consistenza del suolo lunare. ( se volete approfondire le tematiche sulla Luna: Luna, il satellite naturale della Terra)

Tags:,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *